Instantempo al veleno

Mi scuserete se per una volta occupo mdrseo per uno sfogo del tutto personale relativo al SEO contest instantempo.Come saprete dalle migliaia di post, risposte su Yahoo! Answers ed il resto, si tratta di posizionarsi ai primi posti di Google con il proprio sito per la parola “instantempo” (tutto minuscolo, con la “n” iniziale” che qualcuno ha dimenticato). Arrivo al punto: già la concorrenza leale è quella che è. Poi scoprire che il mio sito non funziona più (tutto contenuto originale, peraltro, compreso un racconto a puntate che avevo appena iniziato) per colpa, quasi certamente, di ragazzini senza una vita sociale che mi hanno fatto DNS cache poisoning, mi pare una cosa da clinica psichiatrica. Una falla effettivamente molto grave nel servizio DNS, che non tutti i name server sembrano aver risolto adeguatamente, ma che in questo contesto mai mi sarei aspettato. Senza contare che per risolvere bisognerebbe randomizzare le porte di accesso UDP, e questa cosa non tutti i servizi la permettono (purtroppo). Per la cronaca, mai successo nulla del genere in oltre 10 anni di realizzazione blog, siti e portali.

Instantempo.me scomparso

Come vi sarete forse accorti, in effetti, instantempo.me non è attualmente accessibile e punta ad una “splendida” pagina pubblicitaria. Sono francamente allibito da questa circostanza, non tanto per la posta in gioco (che è relativamente misera), quanto per l’emergere di un fenomeno da “guru” che sembra suggerire: “il SEO è roba per adepti, i comuni mortali non possono partecipare“. Esagero?

Non so, forse anche questo rientra nei “segreti” del cosiddetto black hat, o forse è soltanto una cruda constatazione del fatto che questo svolgersi “senza regole” di GT non è, in fin dei conti, una grande idea. Forse scopro l’acqua calda, probabilmente sono un povero illuso, oppure risultero’ un povero frustrato ed ingenuo, magari anche un frignone o quello che preferite affibiarmi: credo pero’ che la competizione sia inevitabilmente falsata. Ne sono talmente convinto che lo scrivo a chiare lettere, non perchè pensi che GT sia una persona indegna (tutt’altro, anche se non ho il piacere di conoscerlo), pero’ questo pensiero me lo suggerisce quello che è successo oggi.

Arrivare a soluzioni di questo tipo, dato che la posta in gioco non è certo l’accesso ai conti correnti di poveri polli, mi sembra francamente un giochino abbastanza fine a se stesso. In tempi non sospetti, del resto, ritenevo la maggioranza degli hacker (ma non tutti, sia chiaro) dei perfetti perdigiorno che mascherano dietro pretese intellettualoidi il loro “saperci fare” con l’informatica. Avete demolito un semplice blogger che cercava di imparare sul campo, e con la massima umiltà, come si lavora con queste cose: complimenti, voi sì che spaccate il culo ai passeri.

Non fa notizia che un “uno qualunque” abbia avuto il proprio sudato blog tenuto a bada da un giorno all’altro: un blog senza alcuna pubblicità, che aveva obiettivamente scarse possibilità di vincita, ma che intende comunque partecipare. Voi, hacker della domenica, per cortesia tornate ai vostri videogiochi, alle vostre “scoperte sensazionali”, ai vostri defacing fini a se stessi, che vantate con l’egocentrismo che avete per definizione: e poi anche alle chat in cui fingete di essere donna, ai blog in cui commentate da perfetti troll, e alle vostre indegne spammate su Facebook. Continuate a vivere nel vostro mondo virtuale, e per carità, non pensiate di fare gli “hacker” anche nella vita reale. Non mi interessa neanche fare i “sottili distinguo” così “politicamente corretti” tra hacker e lamer: semplicemente, tutti uguali.

Rimane come constatazione finale il fatto che per Google 4 paginette messe su per l’occasione contano di più di un intero blog di 50 post originali prodotti in una settimana. Mi scuso con Carlo e con i lettori di mdrseo per il linguaggio, e per questo sfogo perfettamente inutile, ma mi premeva far conoscere questa cosa che mai, forse ingenuamente, mi sarei aspettato.

7 Comments

  1. Talksina 26 ottobre 2010
  2. Carlo 26 ottobre 2010
  3. salvatore 26 ottobre 2010
  4. Seo Guru 29 ottobre 2010
  5. salvatore 29 ottobre 2010
  6. SeoMadHat 30 ottobre 2010
  7. salvatore 31 ottobre 2010

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *