Le regole di “instantempo”: nessuna regola!

Dopo qualche indecisione, come ho spiegato anche sul GT Forum, ho deciso di partecipare al SEO Contest indetto da Giorgio Taverniti attraverso il suo sito. Una sfida che ho trovato subito stimolante e che mi sta facendo venire un sacco di idee da sperimentare per il posizionamento! Invito ovviamente tutti voi a partecipare, vedrete che una volta iniziato sarà avvincente buttarsi nella mischia. Incredibile come i primi domini .it e .com siano stati occupati dopo pochi minuti, a testimonianza che siamo un popolo di poeti, navigatori e … SEO expert 😉

Conoscete le regole del contest? Non ne esiste neanche una, al di là (forse) della questione etica di effettuare DoS sui domini concorrrenti oppure cercare di fregare gli account altrui (ecco, ho dato qualche strana idea a qualcuno :D).

Il mio nuovo blog è instantempo.me: da lì seguirò aggiornamenti in tempo reale sui vari avvenimenti dell’attualità (blog generalista, quindi) e non mancheranno le sorprese. Sto anche preparando una presentazione che pubblicherò su SlideShare non appena avrò ottenuto i primi risultati. Nel frattempo la SERP sta letteralmente ribollendo, ci sono circa 6000 risultati su Google su questo argomento e c’è da scommetterci che aumenteranno. “Instantempo”, per la cronaca, sembra fare riferimento all’attitudine al real time espressa di recente da Google: ma questa, in fondo, è solo la parte noiosa della storia.

Riassumo quindi le caratteristiche che sono emerse finora per il SEO Contest :

  1. non serve necessariamente avere un dominio instantempo.xxx: se siamo bravi con i social network, si sale con domini di terzo livello. Anche GT sembra essere d’accordo a riguardo.. se lo dice lui 🙂
  2. i backlink forzati serviranno in misura sempre inferiore: a mio avviso conteranno molto di più quelli provenienti da Twitter e Facebook, che siano condivisi, preferiti o retwittati.
  3. si puo’ giocare sui misspelling (come istantempo), sulle variazioni (instantempoblog.xxx, …) o su qualsiasi altra cosa;
  4. Youtube puo’ diventare uno strumento decisivo per la vittoria.

Il tema, poi, è volutamente generale: c’è spazio per chiunque voglia scatenare la propria fantasia sul tema, sviluppando (ad esempio) una serie di racconti, parlando dell’andamento del contest o commentandone i post (cosiddetto buzzing) facendo diventare instantempo Homer Simpson oppure un supereroe o quello che preferite.

Attendiamo ovviamente le vostre considerazioni sull’argomento, a partire da coloro che hanno deciso di partecipare.

4 Comments

  1. Carlo 17 ottobre 2010
  2. salvatore 17 ottobre 2010
  3. Seo Guru 17 ottobre 2010
  4. salvatore 18 ottobre 2010

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *