VPS: cosa sono e a cosa servono

Un Server Privato Virtuale (VPS, Virtual Private Server) è una tecnologia che suddivide, in ambito web hosting, un server fisico in svariati server virtuali  separati ed indipendenti tra di loro. Ognuno di essi può eseguire un proprio sistema operativo (ad esempio Linux CentOS oppure Windows 2007), e puo essere avviato, stoppato nonchè riavviato a proprio piace.

Le caratteristiche fondamentali delle VPS per hosting sono le seguenti:

  • Ogni VPS possiede una copia del proprio sistema operativi con permessi di root;
  • impostazioni avanzate di rete / routing dei pacchetti;
  • minimo di risorse garantite (RAM, spazio su disco ecc.);
  • indirizzo IP privato.

Le VPS, normalmente, si possono configurare mediante appositi template: un template non è altro che una pre-configurazione del sistema operativo con tutto il necessario per lavorare, e la possibilità di accedere al sistema mediante SSH autenticato oppure, sempre più diffusamente, mediante un semplice web-tool. Potrete quindi accedere comodamente alla VPS che avete creato direttamente con il vostro browser ed inserendo username e password forniti dal provider, avendo l’opportunità di:

  1. installare un sistema operativo a nostra scelta (Windows o Linux);
  2. installare il software aggiuntivo di cui abbiamo bisogno che diversamente non avremmo su un condiviso(ad esempio FFMpeg-PHP per lo streaming video dei cloni di Youtube come PHPMotion).

Le VPS sono ideali, in molti casi, per alloggiare decine di siti (CMS ad esempio) e configurarli in maniera del tutto indipendente sotto un’unico alloggio: maggiore è il numero di siti da mantenere, maggiore sarà – nella maggioranza dei casi – il risparmio in termini monetari per il webmaster.

L’importanza delle VPS si riflette, nell’ambito dei servizi di web hosting, nel caso in cui compriate una VPS con cloud: questo si riflette nella possibilità di far girare siti con caratteristiche (oltre che performance, come nel caso dei CDN) decisamente di maggiore livello rispetto ai piani di hosting che paghiamo orientativamente 100-150 euro all’anno. Ricordiamo infatti che l’acquisto di un hosting di questo tipo permette:

  • scalabilità nelle prestazioni;
  • scalabilità nei costi (il costo cambia in base al vostro effettivo consumo di banda e risorse);
  • auto-provisioning (configurazioni automatiche, adeguamento realtime delle performance).

Le risorse effettivamente allocate, per fare un esempio pratico, saranno sempre strettamente dipendenti dal numero di visite effettive del vostro sito, avendo così l’enorme vantaggio di pagare esclusivamente quello che si consuma ammortizzando, nel lungo periodo, i costi necessari al mantenimento del vostro sito. I costi delle VPS, infine, a seconda del piano di hosting scelto dal webmaster, vanno da circa 10 euro al mese a salire, anche se è possibile trovare modelli ultra-low cost che funzionano a consumo e fanno risparmiare qualcosa in più.

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *